Una bottiglia sobria ed essenziale ed un nome, “VIVEUR” di Cantina Funaro, che richiama alla mente sicuramente il “piacere”, inteso come esperienza di gioia e senso di viva soddisfazione. Si dice viveur di una persona raffinata, gaudente, amante dei piaceri della vita, quelli di cui sa godere e quelli che sa offrire. Tre vitigni, Müller Thurgau, Inzolia e Catarratto Extra-lucido, si fondono armoniosamente in un solo vino, che incanta subito il palato per la sua freschezza, il suo sapore leggermente acidulo, le sue note aromatiche e il suo essere leggermente mosso. E’ il vino di sicuro successo per una serata con amici e amiche, mette d’accordo tutti, e si lascia bere.

Alla vista si presenta di colore giallo paglierino chiaro, brillante, con qualche riflesso verdolino. Nel complesso ha una buona consistenza anche se non eccessivamente marcata. Al naso si apre con decisa intensità esprimendosi in una buona complessità. Note intense di frutta a polpa bianca, mela, pera, pesca bianca, melone; in sottofondo emergono note agrumate e di miele d’acacia che poi si evolvono in sentori floreali di acacia, ginestra, zagara e glicine. La sua particolare e suadente mineralità si lega, in perfetta armonia, con il corredo olfattivo.

Al palato risulta secco, con una notevole freschezza e una certa acidità. Sapido, armonico, leggermente mosso, di struttura leggera, abbastanza persistente con sentori fruttati e agrumati.

È il tipico vino che definiamo piacevole e molto invitante : fresco, sapido, ricco di profumi, corpo leggero e finale minerale, che si fa sostenere con i suoi 12,5% vol.. Servitelo ad una temperatura di 8-10 gradi.

E’ un vino che incontra “classicamente” una tavola dove il mare è protagonista. La sua freschezza è perfetta per ripulire la bocca dopo ogni boccone di pesce e le sue note di agrumi sono l’accompagnamento ideale per i sapori delicati del pesce crudo.

Ha un notevole potere sgrassante, va a nozze con i sapori netti e fragranti delle fritture di scampi e gamberi. Ben sostiene i sapori marcatamente sapidi caratteristici di una pasta con le sarde, anche se, è con le “sarde  a beccafico” che costituisce un vero tripudio.

Allo stesso modo, non dimenticando la sua natura minerale, è un bianco anche da aperivino a cui abbinare stuzzichini dai sapori accesi.

Vogliamo azzardare un abbinamento “non convenzionale” , bevetelo durante un pasto a base di polenta e funghi porcini con salsa a gorgonzola, poi magari fateci sapere.

Il territorio da cui nasce il vino Viveur è interno al triangolo della Valle del Belice, tra i comuni di Salemi e Santa Ninfa, in provincia di Trapani, in una zona a spiccato indirizzo vitivinicolo compresa tra i 150 e i 450 metri s.l.m. dove Tiziana, Clemente e Giacomo Funaro ,nel 2003, decidono di valorizzare le uve coltivate nei vigneti di famiglia, da tre generazioni, impegnandosi, in prima persona, nell’attività produttiva e attorniandosi di collaboratori motivati e competenti che costituiscono l’attuale squadra della azienda vinicola Funaro. L’azienda agricola si estende per 85 ettari di superficie, divisi tra vigneti (60 ettari), oliveti (15 ettari), seminativi, ortaggi, alberi da frutto ed aree di compensazione ecologica. All’interno si coltivano sia varietà autoctone, quali Inzolia, Cataratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone, che internazionali, quali Chardonnay, Muller Thurgau, Syrah, Merlot, Cabernet Sauvignon, con moderni e tradizionali metodi di agricoltura biologica, utilizzando concimi organici e sovesci di leguminose per la nutrizione delle piante, solo prodotti a basso contenuto in rame e zolfo per la loro difesa. Le uve, raccolte manualmente , vengono poi portate in cantina, in cui vengono lavorate senza sofisticate tecniche di trasformazione, secondo una filosofia aziendale fondata sul “rispetto” della natura, e dei suoi cicli, con una produzione limitata che punta sicuramente alla qualità del prodotto finale.

Inzolia / Müller Thurgau / Catarratto Extralucido
IGP • Terre Siciliane
Vino Biologico


Vigneto

Le uve provengono dal territorio di Salemi ad un’altitudine di circa 140 metri s.l.m. Il terreno, ricco di sostanza organica, presenta una struttura limosa-argillosa.

Vendemmia

Prima decade di Agosto per Muller Thurgau, prima decade di Settembre per l’Inzolia e seconda metà di Settembre per il Catarratto e.l.

Vinificazione

Le uve vengono pigiate e vinificate separatamente, in vasi vinari d’acciaio termo-controllati a 15°C.

A fine fermentazione, la maturazione prosegue a temperatura controllata.

Caratteristiche organolettiche 

Dal colore giallo paglierino chiaro con leggeri riflessi verdolini. Al naso elegante con delicati sentori di frutta (pera); al palato armonico, delicato, fresco e di facile beva.
Funaro s.r.l.
Contrada Scavi,  S.S. 188
Km 48,700
Santa Ninfa (Tp)
GPS:
LAT 37°46’47.63″ N
LONG 12°52’26.39″ E
Altitudine: mt 404 s.l.m.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...